La ragazza e la parola

La+ragazza+e+la+parolaLa ragazza e la parola è un viaggio attraverso gli occhi di una ragazzina in piena transizione dall’infanzia all’adolescenza, che scoprirà come uno sciame di parole sia in grado di celare tutti i suoi segreti più infantili, gettando in tal modo le basi della donna che sarà in futuro.

Esther Sanz García (1982) è nata a Madrid, Spagna, dove ha trascorso la sua infanzia. Successivamente, visse a Barcellona per sette anni, dove studiò narrativa castigliana nella Escuela Ateneu della città. A diciassette anni vinse il suo primo concorso letterario con il racconto breve Una cosa un poco loca llamada amor (Una cosa un po’ matta chiamata amore). Nel 2009, il suo racconto breve Veinte Cartas (Venti lettere) vinse il concorso La Grúa de Montmeló. Attualmente, Esther vive a Madrid, dove unisce la sua professione nel mondo del marketing e la comunicazione con la sua passione per la scrittura creativa.

(Traduzione di Maria Antonietta Ricagno. Disponibile in Tolino, Scribd, Kobo, Barnes&Noble, Apple)

 

 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close